La rana e lo scorpione

Facciamo un gioco. Io sono una rana e tu uno scorpione. Ci incontriamo per la prima volta davanti al fiume. È una sera di primavera. La fresca brezza accarezza la superficie dell’acqua, increspandola in minuscole onde su cui il riflesso della Luna si perde in pallide sfumature biancastre. La tua corazza nera splende in quel chiarore. È dura, forgiata dalle intemperie che la vita ti … Continua a leggere La rana e lo scorpione

Non grattar via la crosta

Ho un ricordo in mente. Io da piccolo che mi gratto le croste procuratomi cadendo. Il sangue che sgorga. E la ferita torna a bruciare. Mia mamma urla:”Se non la smetti di grattarle non si cicatrizzeranno mai!”. Bisogna ascoltarle le mamme. Sempre. Sanno più di quanto danno a vedere. Eppure io non lo facevo. Puntualmente tornavo a torturarmi la sbucciatura sul ginocchio, o il morso … Continua a leggere Non grattar via la crosta

Il dilemma dell’istrice

Conosci “Il dilemma dell’istrice”? No? Ora te lo spiego. Ci sono due istrici che per scaldarsi l’un l’altro si avvicinano, ma più si avvicinano e più si feriscono a vicenda con i loro aculei. Quindi si allontanano, ma il bisogno di calore li costringe a riavvicinarsi, ferendosi nuovamente. E continuano così, fino a trovare una posizione media che li permetta di non morire assiderati senza … Continua a leggere Il dilemma dell’istrice